“Vièze de Morgins”, le gole della Tine. Condotta da un Suone in caduta su una ruota orizzontale dotata di pale, l’acqua sollecita, come faceva una volta, l’albero verticale del mulino, facendo girare la mola.

. Sgranare e macinare il grano sono le prime operazioni effettuate. Tuttavia, presto viene anche utilizzata per sminuzzare la frutta e i semi oleosi, nonché per pestare la canapa. Con il passare del tempo, e per questioni di redditività, lì vicino viene costruito anche un frantoio. Durante le feste vengono messi in funzione il mulino inferiore e la fucina. L’acqua, ancora trattenuta, trascina anche una gramola per la canapa e poi, passando sotto la fucina, aziona una segheria.

Rinascita della Tine

La fucina viene acquistato nel 1936 dal fabbro ferraio Charles Maire, quindi abbandonata nel 1949. Nel 1995 Charles Maire decide di lasciare in eredità tutti i suoi strumenti al comune di Troistorrents. Un tesoro prezioso!

Per l’occasione, il fabbro Charles Maire si rimette all’opera, facendo scoprire al pubblico in cosa consisteva il suo lavoro fino al 1936. Quando nel 2005 Charles Maire è scomparso, è stato suo figlio Philippe a continuare l’attività del padre.

Ricollocato al piano terra dell’edificio originale, questo nuovo locale sopra la fucina sarà dedicato alle esposizioni. La fucina è stata ripristinata, con tanto di fuoco e mantice.

Dichiarazione di consenso ai cookie
Continuando a navigare su questo sito, si accetta l'uso dei cookie per migliorare l’esperienza utente e per effettuare le statistiche delle visite